DANTE STRONA – Due poesie sulla libertà

bandiera-bianca-giampaolo-giamFoto di Giampaolo Giambuzzi

Ritrovarsi in Aprile

Siamo volti di tempo, e l’anima
sa di radici che stringono
fossili di memorie: eppure,
ancora, si vorrebbe cantare.

Non ha senso sul palmo
la linea della vita;
siamo invecchiati
con i nostri ricordi: intatto
l’orgoglio di lontane stagioni
e questo silenzio d’intesa.

Continua a leggere

MONTI & TREMONTI – sempre salite all’ orizzonte


E’ sempre la solita storia, e sono sempre i soliti a pagare. Della manovra appena partorita, in rete si trova ormai molto per farci riflettere: dalle pensioni basse non indicizzate, alle frequenze regalate; dalla falsa patrimoniale, alla “Chiesa” esclusa dal pagamento della nuova ICI, e la meteorogia prevede nubi scure sopra il cielo dell’ Europa, mentre l’ Italia festeggia i suoi 150 anni. Ed è proprio 150 anni  fa che nel mondo industrializzato si faceva largo la prima grossa crisi economica, risolta parzialmente con il colonialismo, ma poi sfociata con la prima guerra mondiale. E dopo la seconda crisi del ’29 arrivò la seconda guerra globale. Guarda caso tutte e due (le crisi) iniziate negli Stati Uniti (come quest’ ultima), ma poi le guerre hanno dilaniato la vecchia Europa. Per carità, di morti americani ce ne sono stati moltissimi, ma il suolo devastato dalle bombe è stato il nostro, perchè sono sempre i soliti a pagare, sempre i soliti a morire. Lo sò, detto  così è sintetizzato in maniera molto semplicistica; ci sono stati i regimi dittatoriali ma, bisogna chiedersi perchè sono nati e come. Lo ripeto sono sempre i soliti a pagare, da qualsiasi parte si guardi la faccenda. Mi viene in mente quella telefonata intercettata all’ indomani del terremoto che distrusse l’ Aquila, dove, quella simpatica persona, rideva pensando ai suoi prossimi affari. Gli speculatori sono sempre sopra di noi, sopra i “monti” come gli avvoltoi, oppure saranno i monti a franare sulle nostre case (fatto tra l’ altro già accaduto). E’ stata troppo bella la battuta di Fiorello: “se dopo ogni manovra erano gli italiani ad iniziare a piangere, cosa succederà ora, che ad iniziare a piangere sono i ministri ? ”