Yo-Yo Ma e i musicisti della via della seta

Se la musica ha il potere di unire tante persone apparentemente opposte tra di loro per cultura, tradizioni, crescita, esperienze e vicende umane, allora, perché non credere nell’utopia che vorrebbe estendere quest’idea, e dall’enfasi talmente sincera da sembrare qualcosa di normale: bellezza da regalare a tutti quelli che, credendo a questa espressività artistica, la vivono e la generano come la necessità che potrà salvare il mondo?
Yo-Yo Ma e i musicisti della via della seta è un docu-film straordinario, il quale, trasforma il potere dell’arte, nello “strumento” ideale per superare tutte le barriere possibili, attraverso l’arricchimento che ogni persona può dare all’altro. Ma queste non sono le solite frasi fatte o le banalità che sentiamo ogni volta che arriva il natale: questa è una vicenda umana che si identifica nelle vicende di tutti, e proprio da tutti emerge per costruire un circuito moderno, o se vogliamo, una moderna via della seta da prolungare in ogni luogo della Terra.

Continua a leggere

Annunci

HEARTLESS BASTARDS – Arrow

heartless bastards - arrow_NEW

Quando solitamente io e miei amici parliamo di un gruppo musicale e, per caso, uno di noi non lo conosce, tendiamo a circoscrivere il suo genere  citando una rivista specialistica che potrebbe recensirlo, e così facendo ne indentifichiamo  lo stile, tipo: “questo è un gruppo da “Rumore”, da “Mucchio Selvaggio” o da “Buscadero”, da “Blow Up” o da “All-About-Jazz”; insomma apriamo subito il campo dei gusti personali e sappiamo se potrebbe piacerci. E’ anche vero che queste riviste  fanno articoli e retrospettive di ogni tendenza e latitudine e forse questo ragionamento tende ad essere superficiale ma, con il primo approccio a volte,  si azzecca il concetto.
Ho fatto questa introduzione perché parlando degli Heartless Bastards avrei detto: “questo è un gruppo da Buscadero”. In realtà però questo incipit potrebbe a sua volta confondere le idee, perché non sempre i territori  bazzicati da un manipolo di appassionati può essere limitativo per altri. Questo è sì un gruppo da Buscadero, ma la sua qualità è tale che entra di diritto negli spazi della musica d’autore. E anche se il repertorio dei nostri è quello di un country-rock che spazia dalla ballata classica  americana senza troppi fronzoli  fino alle contaminazioni di questo inizio di secolo, l’esito delle loro performance è tale che ci si può infatuare all’istante del prodotto finito: ricco di melodia e passione, sostanza e accanimento, calore e pulizia… di intensità e di poesia. Continua a leggere