I LIBRI AL Kg

libri al kg-2 copia

Io sono proprio malato perché riempirei la casa di libri… come li chiamano: accumulatori compulsivi? e non solo, la riempirei anche di vinili: doppio accumulatore compulsivo; e di fumetti: triplo accumulatore compulsivo; e qui mi fermo, altrimenti se inizio a citare le riviste d’arte e di grafica e DVD, devo aprire il tetto. Si è vero: sono malato, molto malato ma, chissenefrega (!) sono contento di esserlo e ognuno deve vivere la gioia nella sua pazzia. Una volta in un convegno chiesero a uno psichiatra ce c’era più follia nella poesia o più poesia nella follia, e lui, lapidario rispose: “il folle è folle e basta”. La solita fredda deduzione scientifica… Invece in mezzo a tutto questo ben di Dio c’è tanta di quella poesia da rimanere intontiti come successe a Stendhal…

Continua a leggere

REPLAY (nel caso vi fosse sfuggito dal post precedente)

Il video in questione è uno stralcio del film Boccaccio ’70 del 1962, diviso in quattro episodi diretti rispettivamente da Vittorio De Sica, Luchino Visconti, Mario Monicelli Federico Fellini, ed è proprio l’episodio di Fellini quello a cui mi riferisco, nel curioso parallelismo con il mio post precedente dove, nonostante siano passati più di cinquant’anni, i luoghi comuni della nostra società non sono mai cambiati. Continua a leggere

E’ UNA DISTRAZIONE CHE…

belen3

Continuano a dire che l’uomo è distratto, che appena vede una donna non capisce più niente, che tendenzialmente è infedele, che è volgare, brontolone, noioso e inaffidabile, che non ha voglia di fare i mestieri di casa, ne tantomeno le pulizie di fino, e fondamentalmente che pensa sempre alla femmina e basta. Che palle, quante accusa insensate, Continua a leggere