Yo-Yo Ma e i musicisti della via della seta

Se la musica ha il potere di unire tante persone apparentemente opposte tra di loro per cultura, tradizioni, crescita, esperienze e vicende umane, allora, perché non credere nell’utopia che vorrebbe estendere quest’idea, e dall’enfasi talmente sincera da sembrare qualcosa di normale: bellezza da regalare a tutti quelli che, credendo a questa espressività artistica, la vivono e la generano come la necessità che potrà salvare il mondo?
Yo-Yo Ma e i musicisti della via della seta è un docu-film straordinario, il quale, trasforma il potere dell’arte, nello “strumento” ideale per superare tutte le barriere possibili, attraverso l’arricchimento che ogni persona può dare all’altro. Ma queste non sono le solite frasi fatte o le banalità che sentiamo ogni volta che arriva il natale: questa è una vicenda umana che si identifica nelle vicende di tutti, e proprio da tutti emerge per costruire un circuito moderno, o se vogliamo, una moderna via della seta da prolungare in ogni luogo della Terra.

Continua a leggere

L’ITALIA E’ UN PAESE DIVINO

il giardino divino-1-jpg

Per un Barman questo è un annuncio dovuto: e qualcuno domani sera si trovasse a passare dalle parti di Como, il Gruppo Letterario Acàrya ha organizzato un reading sul tema del “vino”, con una serata piena di bollicine e di gradazione alcolica molto alta.
Il divertimento è assicurato attraverso tutti i sentori di questa splendida bevanda…
Ogni lettura sarà accompagnata da un abbinamento in sintonia con la degustazione appropriata fino al brindisi finale…

UN IMPEGNO CONTINUO PER LA CULTURA

Domitilla Colombo in Pater IncertusDomitilla Colombo nel monologo “Pater Incertus”

Lo so… lo so… in un periodo come questo non ci si può assentare e tenere il Bar incustodito, o perlomeno, lasciato libero per gli avventori che hanno sempre sete e sono esigenti e vogliono essere serviti. Ma la vita è così, si è presi sempre da tanti impegni e bisogna scegliere, sapersi dividere, sapersi motivare, sapersi costruire.

Anche per quest’anno Il Gruppo Letterario Acàrya partecipa alla stagione di ComoLive, con una serie spettacoli divisi fra presentazioni di libri con una valenza doppia e le performance degli attori che proporranno i successivi monologhi. Tra l’altro non è casuale la scelta della location di Piazza Martinelli, perché come si è evidenziato nell’appena concluso ciclo sul tema della “città”, le metropoli moderne non hanno più una “piazza” come luogo centrale d’incontro, di scambio culturale, sociale, dinamico, di ritrovo collettivo per esaltare le sinergie di partecipazione fra più persone. Ed è proprio la piazza ad esaltarsi quando la si fa vivere nella sua essenza di spazio-simbolo, come se la cosiddetta “agorà” sia una parte insita in ognuno di noi. Ormai, nella progettazione urbanistica delle metropoli moderne la piazza non è più contemplata, come se le infrastrutture dell’abitare fossero solo luoghi chiusi dove sfruttare il maggior spazio possibile utile al profitto globalizzato, emarginando l’individuo nei territori “altri” e utili per scopi apparentemente alternativi, ma che sostanzialmente ghettizzano e dividono e allontanano ognuno di noi da un sano socialismo di partecipazione, in cui anche il gioco ha la sua funzione, e la cultura, si ritrova fra la gente comune magari anche di passaggio, ma che soddisfa la sua funzione d’intrattenimento e di soddisfazione filosofica, con tutti e per tutti. Continua a leggere

IL BANCOMAT DEI SOGNI – The dreamers

TD Bank the dreamers

In Canada la TD Bank si è resa protagonista di un’iniziativa sorprendente, soprattutto in un periodo di crisi come questo;  ma in fondo, quando tutto viene trattato con dolcezza regalando sogni alla gente, anche inaspettati, probabilmente queste persone difficilmente dimenticheranno il nome dell’istituto di credito in questione, Continua a leggere

ALCOLICI & ANALCOLICI – La freschezza nel cuore e il calore nell’anima

cocktail estivi 1

Riprendiamo le danze, anzi… il servizio, visto che con questo caldo c’è un sacco di gente che mi ha scritto che aveva e che ha molta sete. Per questo motivo colgo l’occasione per ringraziare  coloro che  hanno postato i commenti e mandato mail  anche in privato, con insistenza di ritornare a riaprire il “locale” prima possibile, e a cui non ho risposto (a parte il “vandalo”) solamente per correttezza verso gli altri. Fondamentalmente, e questa è la cosa più importante, lo spirito dell’amicizia risulta alla fine il dono migliore, perché spesso, frequentare un Bar diventa il ritrovo simpatico dove rilassarsi nelle giuste dosi di cultura e divertimento.  E allora, dopo un po’ di restyling, riapre il

Sourtoe Cocktail Club…  

d’altronde, ognuno di noi ha il suo periodo dove per fermarsi a riflettere, ha bisogno di una pausa. Cosa vi posso dire… essendo sempre dietro al bancone, un barman che si rispetti deve dare ai suoi clienti il meglio del meglio, perché nella vita, nonostante le gioie e le ferite, tutto deve essere visto sempre come un’opera d’arte e come tale, bisogna calarsi nelle emozioni che si respirano, e in questo caso, che si gustano: alcoliche o analcoliche non importa, basta avere la freschezza nel cuore ! Così, tanto per sdrammatizzare, oltre al servizio vi propongo anche un gioco, tipo:

dimmi cosa bevi e ti dirò chi sei…

Voglio offrirvi tutta una serie di cocktail estivi: per la precisione 9, semplicissimi,  nati per essere analcolici, dissetanti e salutari, ma che volendo, per gli ubriaconi incalliti, hanno anche la variante con molti gradi. Chiaramente la regola del gioco la troverete svelata alla fine…

Continua a leggere

COMO LIVE 3

lorenzo volpi1

Terzo appuntamento venerdì 26 luglio per ComoLive con la nostra rassegna di monologhi LA POESIA ININTERROTTA alle ore 21,15 in Piazza Martinelli (ex-area Fulda). Lo spettacolo di questa settimana ha per titolo “La cravatta di Creonte”,  con l’attore Lorenzo Volpi Lutteri (testo e performance) e la regia di Paolo Bignami, dell’associazione culturale TEATRAME che ha spesso collaborato con noi del Gruppo Acàrya.

Una giornata normale, di quelle che ti alzi, fai colazione e vai in ufficio. In ufficio incontri le solite persone, l’appendiabiti al solito posto, i soliti saluti, la solita rabbia. Una giornata normale, solo una piccola cosa: è morta, già, morta.   Quando è successo Antigone era sola, non si può dire che io c’entri qualcosa, io ero in riunione. Io non ho fatto niente, nulla, nulla perché ciò accadesse. Nulla per evitarlo; io non sono responsabile. Continua a leggere

COMO LIVE 2

GLI UOMINI-LIBRO _NEW

Il secondo spettacolo della rassegna LA POESIA ININTERROTTA, vedrà come protagonisti gli attori del TeatroGruppoPopolare, con un testo di Maxence Fermine intitolato “Neve”, per la regia di Giuseppe Anducci, e facente parte della loro serie intitolata “Gli uomini-libro” ispirata alla metafora Ray Bradbury. Domani, venerdì 19 luglio alle ore 21,15 in piazza Martinelli.

Nell’attuale momento storico in Occidente nessuna dittatura sta mettendo in pericolo la conoscenza e la memoria derivanti dai libri, e tuttavia ci pare significativo e ammonente ricordare l’esperienza non del tutto fantastica di Bradbury. Lo facciamo giocando a renderci “uomini-libro” a nostra volta, avvalendoci della forza dei numeri: un libro noi possiamo impararlo in dieci e più persone e aprire la nostra memoria alla curiosità degli spettacoli.
Abbiamo cominciato con  “Neve”, un racconto di Maxence Fermine Continua a leggere