Le più belle copertine di dischi del 2016

le-migliori-cover-del-2016-6.jpg

Sono tato pungolato lo so… perché sapete, quando si apre un locale anche l’immagine è importante, anzi, scusate il gioco di parole, ma prima di tutto è tutto. La grafica è una delle mie passioni e allora tuffiamoci nelle migliori copertine di dischi del 2016, le quali possono abbellire le pareti di questo bar, perché quando gli artisti decidono di vestire bene un prodotto, lo fanno sempre nel migliore dei modi. Non è casuale che la fortuna del “vinile” è stata proprio le bellezza delle sue confezioni, dove si è sbizzarrita la fantasia degli addetti ai lavori , trasformando un involucro contenente un semplice disco, in un’opera d’arte. Purtroppo con l’avvento del CD si è persa questa dimensione immaginifica dove gli appassionati trovavano uno stimolo in più per godere della propria musica. Ma al di là di questo, la bellezza intrinseca delle cover è rimasta indelebile nelle schiere di chi coltiva un’emozione. In sintesi il 2016 è stato un anno in bianco e nero, per via di tutte le dipartite che ci sono state in questo campo, ma alla fine la fa da padrone sempre il “colore”, e come tale ci fa sempre ritornare a sorridere.

Ho selezionato 50 tra le più belle immagini utilizzate per abbellire la musica che preferiamo, e il risultato è veramente un’esplosione di creatività.
Cliccate qui sotto e godetevi quest’orgia cromatica dalla bellezza sconvolgente

Continua a leggere

QUESTA LUNGA ESTATE CALDA

questa-lunga-estate-calda

Lo so… lo so… avete ragione, avevo detto che il bar sarebbe stato chiuso solamente per qualche settimana e invece, in questa lunga estate calda, avete sempre trovato il cartello con la scritta: “riaprirò in tempi brevi”. Alla facciaccia ! E’ imperdonabile, lo so… lo so…  Ma la vita è fatta di tanti momenti, e a volte non si ha neanche il tempo per una bevuta come si deve, tanti sono gli impegni, tanti sono gli imprevisti e le necessità, tante sono le priorità. Così capita di dover scegliere nonostante i miraggi a portata di palato…

questa-lunga-estate-calda-7

Continua a leggere

LE COSE IMPORTANTI DELLA VITA

vaso-vuoto2

Un giorno un mio amico scrittore andò in una scuola a fare una lezione sulla poesia e si presentò con un vaso di cristallo vuoto, lo fece vedere agli studenti e lo riempì con dei sassi abbastanza grossi, chiedendo loro se il vaso fosse pieno, e i ragazzi, un po’ titubanti, dissero di sì. Sbagliato ! rispose le scrittore… prese infatti un pacco di riso e lo versò delicatamente fra i sassi del vaso, scuotendolo quel tanto che bastava per far scivolare i chicchi dappertutto riempiendolo fino all’orlo. Ed ora è pieno? richiese mentre tutti lo osservavano. Chiaramente i presenti ancora un po’ dubbiosi su dove volesse arrivare a parare colui che stava in cattedra, risposero di sì. Sbagliato ! rispose ancora lo scrittore, prendendo poi un sacchetto di sabbia finissima di fiume il quale,  iniziò a versarla fra i sassi e il riso, scuotendo ancora il tutto per farla scivolare bene fino in fondo, arrivando  ancora all’orlo. Ed ora è pieno ? richiese un’altra volta. A questo punto gli studenti ridendo un poco risposero: lei signor scrittore è molto furbo… sì ! ora è pieno… sì !  E lui, guardandoli divertito, per l’ennesima volta rispose… Sbagliato !  Così dicendo prese due birre, e iniziò delicatamente a versarle sempre dentro il vaso fino al loro esaurimento. Continua a leggere

PAROLE IN LIBERTA’ NELL’INFINITO MONDO DEI BLOGGER

 

premiodardos2

Solitamente non seguo le catene dei premi, però ogni tanto piace giocare anche a me, e visto che mi è stato assegnato, anche per ringraziare Artemisia: una donna che ha nel suo nome la parola “Arte” va sicuramente tenuta in considerazione, inoltre – visto che ha un blog il quale ricorda il profumo del vino: “Mosto selvatico” e in senso traslato, oltre al film, tutto il mondo che le gira intorno, musica compresa; anzi, sempre buona musica – non posso questa volta tirarmi indietro date tante somiglianze d’intenti. Di conseguenza la ringrazio ancora e passo alle regole del gioco, o del premio, fate voi.

Continua a leggere

BLUES PILLS – Live Freak Valley Festival

blues pills liveUn’altra ventata d’aria fresca per quest’estate torrida è la pubblicazione del Live degli esordienti Blues Pills, e uso la parola “esordienti” perché è soltanto dell’anno scorso il loro primo album, quasi a ribadire che la prorompente vitalità di un gruppo appena ventenni ha colto subito nel segno.
bluespillsSbaragliamo subito il campo, chi ama il veemente approccio delle canzoni di Janis Joplin e di Aretha Franklin, o il sulfureo incedere dei Blue Cheer e dei Creem, o la chitarra lacinante di Jeff Beck, o meglio ancora le cavalcate lisergiche dei Free mischiate ai primi Led Zeppelin, ha trovato pane per i suoi denti. Però attenzione, non pensiate a una macchia del tempo proiettata verso questa seconda decade degli anni duemila come un qualcosa di vintage; la freschezza di questo ensemble particolare: Elin Larsson alla voce e André Kvarnström alla batteria (svedesi), Dorian Sorriaux alla chitarra (francese) e Zack Anderson al basso (americano), è qualcosa di sorprendente.
Continua a leggere

BLUES TRAVELER – Blow Up The Moon

Blues-Traveler-Blow-Up-The-Moon

Come ho già accennato nel post precedente, mi sono assentato, almeno in maniera figurata, dal bancone del bar, con la conseguenza che gli avventori potevano bere senza remissione ma, con la mancanza del gestore in questione, bevevano casualmente ascoltando la musica che le vecchie casse trasmettevano dalla teca di questo arredamento, un po’ europeo e un po’ americano: quel tanto che basta per dare una certa atmosfera. Tra l’altro, siccome di musica nuova ne ho passata poca, mi sembra giusto ridare aria al locale aprendo le finestre alla luce di queste belle giornate.
L’estate si sa è un periodo di assestamento delle nostre cellule, le quali cercano il giusto risarcimento dopo un anno vissuto pericolosamente fra le mura lavorative e quelle domestiche; proprio per questo volevo iniziare a mettere sul piatto (o nel lettore) tutta una serie di dischi adatti alla calura di questa canicola, per alcuni opprimente, per altri amata, ma per tutti il momento dove abbandonarsi al meritato riposo senza troppi pensieri. Poi si sa, ricaricate le batterie, si rincomincia di nuovo a lottare con l’entusiasmo o la noia che ci appartiene, e allora, cosa c’è di meglio di un buon bicchiere fresco da sorseggiare con la musica giusta? Proprio in questo momento di relax prima di ricominciare l’avventura?
Continua a leggere

BOOMSTICK AWARDS 2015

 boomstick-awards-2015Solitamente nel corso della vita di questo blog – nonostante i vari premi che gli sono stati assegnati, proprio per volontà di amici e lettori – pur ringraziando sentitamente, non ho mai continuato la catena per paura di scontentare qualcuno, per via delle regole ferree dei premi stessi legate al numero chiuso delle segnalazioni. Ma siccome anch’io alla fine di ogni anno scelgo quelli che ritengo i miei migliori dischi, considerandolo appunto un gioco, allora, questa volta, Continua a leggere