IL COSTO DELLA VITA

Dopo la tragedia di ieri a Milano, mi tocca ribloggare per la terza volta un post che scrissi nel settembre del 2013, in occasione dell’uscita del libro di Angelo Ferracuti “Il costo della vita – storia di una tragedia operaia”, perché siamo sempre alle solite: si muore sul lavoro. All’epoca di quella recensione, la tabella dei decessi si fermava al 2011 e mi tocca aggiornarla: 790 nel 2012; 660 nel 2013 (sempre decrescenti, poi l’improvviso rialzo); 1152 nel 2014; 1246 nel 2015; 1018 nel 2016 e 864 a fine novembre 2017 (complice anche la tragedia di Rigopiano). Numeri pazzeschi, ma se andate a leggere quell’articolo vi verranno i brividi, e non mi stancherò mai di ripostarlo, perché non è possibile tutto questo:

Link post del 2013

il-costo-della-vita-angelo-ferracuti

 

Annunci

le copertine più belle degli album del 2017

le copertine più belle degli album del 2017

Visto che con il ritorno del vinile anche la confezione di un disco si è ripresa il suo antico splendore, ho selezionato una serie di bellissime copertine, o “covers-album”, come vengono chiamate, per allietare la vostra vista e farvi godere, oltre che con le orecchie, anche con gli occhi, perché il tatto è già contemplato dai collezionisti di questi oggetti preziosi, e gli abbinamenti con olfatto e gusto l’ho già fatto con i cocktail che vi ho servito nel post precedente. Ora fatevi abbagliare e, se volete, potete scegliere la vostra copertina preferita.  Cliccare per credere…….
Continua a leggere

I MIGLIORI DISCHI DEL 2017 per il Sourtoe Cocktail Club

i migliori album del 2017-2-doc

i migliori dischi live del 2017-immagine

I MIGLIORI ALBUM DEL 2017

GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR – Luciferian Towers
THE DREAM SYNDICATE – How Did I Find Myself Here?
ALGIERS – The Underside of Power
ROBERT PLANT – Carry Fire
CHUCK PROPHET – Bobby Fuller Died For Your Sins Out Now
NADINE SHAH – Holiday Destination
LORDE – Melodrama
MELANIE DE BIASIO – Lilies
EMIDIO CLEMENTI / CORRADO NUCCINI – Quattro Quartetti
DA CAPTAIN TRIPS – Adventures in the Upside Down
FLAT WORMS – Flat Worms
LCD SOUNDSYSTEM – American Dream
GROUP DOUEH & CHEVEU – Dakhla Sahara Session
TAMIKREST – Kidal
SAMSARA BLUES EXPERIMENT – One With the Universe
MYTHIC SUNSHIP – Land Between Rivers
ROGER WATERS – Is This the Life We Really Want?
DUKE GARWOOD – Garden of Ashes
LAURA MARLING – Semper Femina
ZIMPEL / ZIOLEK – Zimpel Ziolek

MIGLIORI DISCHI LIVE

GIOBIA – Live Freak Valley
KING CRIMSON – Live in Chicago

MIGLIOR RISTAMPA

GERMAN OAK – Down In The Bunker

MIGLIOR RISTAMPA INEDITA LIVE

JACO PASTORIUS – Truth, Liberty & Soul… Live in NYC

***********

Anche per il 2017 ho redatto una classifica dei migliori album pubblicati, cercando di raffigurare stili e correnti diversi, nonostante siano sempre i miei gusti personali e i miei ascolti a prendere il sopravvento, ampliando per quest’anno la proposta inserendo i migliori live e la miglior ristampa. Chiaramente, la mia è una classifica trasversale, nel senso che non ho tenuto conto delle proposte della critica ufficiale, o del mercato discografico, perché nonostante ritorni importanti come quello dei The War on Drugs o dei The National si siano inseriti nelle liste annuali, io preferisco proposte meno pop e soprattutto più creative e più alternative, d’altro canto, album sperimentali come quello degli Yowie: “Synchromysticism”, sicuramente eccezionale e interessante, l’ho ritenuto troppo esagerato nella sua evoluzione, perché arrivare alle fine dell’ascolto è stato molto difficoltoso. Sostanzialmente, un disco dev’essere anche un piacere per le orecchie e per l’anima. Non è casuale che il secondo lavoro del britannico King Krule: “The OOZ”, premiato dalle riviste del settore, è stato secondo me sopravvalutato sulla scia del suo bellissimo esordio del 2013, che allora inserii nella mia lista di quell’anno. Ma si sa, i gusti sono sempre diversissimi, e ognuno di noi potrebbe stilare una sua classifica, sindacandola in ogni sua forma. Questa è la mia: tutti sullo stesso piano, senza distinzioni di podio, con gli abbinamenti necessari al mio locale e alla musica diffusa che ascolterete sempre fra queste mura. I miei clienti lo sanno…
Bona lettura e buon ascolto !

Continua a leggere

IN THE CHRISTMAS GROOVE

Ogni tanto ribloggare un proprio post è salutare per ricordare che il Natale è sostanzialmente una festa, e come tale va vissuta…
Augurissimi a tutti !!!!! E un brindisi per ognuno di voi !

Sourtoe Cocktail Club

in the christmas groove-strut records

Se volete uscire in strada e dare un calcio alla solita e melliflua atmosfera natalizia, compratevi questo disco dall’alto tasso ritmico senza troppi giri di parole: si balla! Attenzione però… armatevi di iPod e correte nel posto più isolato della vostra città perché, se per caso avete fretta di ascoltarlo e accendete il lettore direttamente in casa, non resisterete, vi troverete sopra il tavolo dove statavate pranzando con i parenti tutti. Si… tutti! Tutti insieme scatenati per dare calci  ad arrosti e panettoni, e probabilmente finirà che il vostro vicino: se è sveglio, vi chiederà di partecipare a quella folle festa; se invece è il solito rincoglionito di certo chiamerà la polizia ma… tranquilli, appena arriveranno, prima di arrestarvi vorranno ballare insieme a voi… allora dategli il vino  avanzato (perché qualcosa è avanzato vero ?!!), così si sbronzeranno di sicuro.
Pubblicato nel 2009 dalla Strut Records, intitolato In The Christmas…

View original post 192 altre parole

ALBERTO NESSI – Un sabato senza dolore

treno-clelia-mussariFoto di Clelia Mussari

Un sabato mattina

Un sabato mattina quando più tranquille
scorrono le ore davanti a siepi rigenerate
dall’acqua di maggio madre di campanule
la luce esita tra il si e il no, il ristagno e la gloria
due ragazzi giocano a pallamano tra platani antichi
e la commessa della cartoleria con voce pallida
mi dice: “Arrivederci professore”
un sabato senza dolore….

Continua a leggere

ENDLESS BOOGIE – Vibe Killer

album-2017-Endless-boogie-VibeKiller

Quando un gruppo decide di scegliere il proprio nome di “battaglia” dal titolo di un bellissimo album di un proprio idolo, allora la dichiarazione d’intenti è talmente lampante da non lasciare dubbi. Ma se John Lee Hooker è un punto di riferimento essenziale per ogni tipo di ispirazione, per questa band di New York probabilmente è qualcosa di più: qualcosa che ti senti nel sangue e non puoi farne a meno, talmente è presente la figura del maestro. Formalmente però è proprio il blues ha diventare una forma di poesia acida e cattiva, distorta, oscura e densa di contenuti nella sua forma recitativa, continuando la tradizione afro-americana che dal delta del Mississippi ha contaminato tutta la tradizione a stelle-e-strisce, dalla Grande Depressione fino ai giorni nostri, nella sua forma parlata. Ed è proprio la parola che diventa protagonista, tanto quanto basta per essere seguita da un insieme di suoni e di ritmi adatti allo scopo: due chitarre perfette nel loro dialogare, un basso a una batteria che non lasciano scampo, e tanta passione, tanto sudore da sputare.

Continua a leggere

NADINE SHAH – Holiday Destination

album-2017-nadine-shah- holiday-destination

Quando qualche anno fa scoprii questa interprete britannica, con origini mezze pakistane e mezze norvegesi, mi venne un tuffo al cuore: straordinaria! (dissi). Ebbi la stessa sensazione di quando ascoltai per la prima volta P.J. Harvey. Quella sorta di cantautorato rock innovativo, diverso dai soliti cliché; acido, distorto, sperimentale e nello stesso tempo, ipnotico, adulto, mai banale, denso di contenuti: dal sociale al politico, all’introspezione feroce, per quanto femminile: sensuale, melodica.  Quest’insieme di termini, nonostante gli ossimori, non bastano per descrivere o per far capire l’espressività o la complessità della struttura musicale di questa trentunenne proveniente da Whitburn, sulla costa dell’Inghilterra nordorientale, perché soltanto con un ascolto attento, si riesce a percepire tutta la gamma cromatica di un talento così importante.

Continua a leggere