b) Perché Sourtoe Cocktail Club ?

Nel nord del Canada, nel Klondike, territorio dello Yukon, esiste un locale nella città di Dawson City che continua la tradizione dei cercatori d’oro, di servire mescolate alle bevande,  pezzi delle dita di mani o piedi in salamoia, appartenenti a quegli sfortunati che hanno perso le estremità durante l’inverno, o semplicemente lasciate in eredità dagli avventori del locale stesso (la casa assicura che sono deidratate e conservate sotto sale). Signore e Signori,  benvenuti al…         Sourtoe Cocktail Club (!)

 

SOURTOE  COCKTAIL  CLUB

Vivono continuamente
per assaporare
le parti di altre persone
per assimilare le virtù
approssimative
le visioni tempestive
le pause       le ire
e anche
le storie da maledire
Vivon la speranza
di credersi migliori
senza sapere niente
e niente gli importa
se un pensiero
creduto intelligente
è una parola perduta
dentro a un’ epica
viva solamente
negli occhi di carta
patinata     vetrata
per piangere in fretta
mentre ti guardano
e aspettano

E non si ferma nessuno
violenti     pazienti
per succhiare di tutto
e continuare
con le loro dita
perchè la fame
inghiotte come necessità
il corpo rimanente
tanto non importa
ogni risata
nasconde l’ ingordigia
di quelli che rimangono
come un’ eredità
da consumare
da rubare
o se proprio non piace
da sputare

La vita è un lungo
abuso di te stesso
dietro a ogni movimento
della tua fatica

Puoi scegliere ancora
e solamente
se guardare il sole
dentro a un bourbon secco
o essere ingoiato
con il primo sorso
della notte
Salute straniero !
Benvenuto nel Club…

Antonio  Bianchetti

 

(cari miei, potete essere sorpresi o schifati, contenti o sconcertati ma, una cosa è certa, il mondo è pieno di gente che si succhia le dita, che succhia di tutto, che vive solamente per essere cannibale  o per farsi una risata…  buon appetito !!!)

verificare per credere:  www.sourtoecocktailclub.com  

Cosa mi piace… la musica rock, la poesia, teatro, film, arti visive e tutte le forme di espressività artistica.  Chi sono… ve l’ho già detto: uno dei tanti.

P.S.  link per i più curiosi:  www.acarya.it/autori/bianchetti.html

40 thoughts on “b) Perché Sourtoe Cocktail Club ?

    • in fondo l’avventura ha le sue regole… rischio, mistero, fascino, soddisfazione, appagamento: come un drink per coraggiosi. Io però offro specialità più vicine alla normalità, se le preferisci sarai sempre la benvenuta… salute (!)

    • è la nostra personalità miscelata con le nostre emozioni; così riusciamo a far diventare, o perlomeno, a mutare la nostra casa con il mondo intero in una specie di scambio simbolico, il quale ci da la possibilità di abbracciare tutti. E tutti entrano nella tua casa come ospiti desiderosissimi… Cin cin !!! Benvenuta !!!

  1. “Assaporare le parti di altre persone” credo sia l’essenza della conoscenza, dell’amicizia e di qualsiasi rapporto che vada al di là della superficie. Senza affondare nel cannibalismo, certo. Nutrirsi delle persone che abbiamo intorno, e cedere parti di noi per il gusto stesso di farle assaggiare a chi sappiamo potrà apprezzare è qualcosa che riempie di soddisfazione.
    Piacere di conoscerti, vado a curiosare nel bar.
    P.S.: ho letto che hai lavorato nel campo del fumetto, sarei curiosa di sapere se e cosa leggi.

    • la storia è lunga una vita: quando ero adolescente, mentre i miei amici sbavavano per Tex e Zagor, io invece mi innamoravo dei lavori di Toppi e Battaglia, o per le saghe di Gino D’Antonio. Così mentre altri leggevano i supereroi, io invece cercavo i fumetti di fantascienza di Roberto Bonadimani, e poi ancora Giger o Moebius o meglio ancora Enki Bilal. Poi crescendo è arrivato Alan Moore (con il suo “V for vendetta”), gli Invisibili di Morrison o gli splendidi capolavori di Frank Miller. Cosa vuoi che ti dica, il suo mondo è vastissimo ed ora cerco fumetti di nicchia: GiPi per esempio non è male, ma sono le estremizzazioni che mi attirano, come la fantascienza intelligente o le storie particolari fuori dal comune. In fondo, visto come va ora l’Italia, rileggersi il Gruppo T.N.T. inventato da Magnus, è come rimettersi a ridere perché nulla è cambiato, anzi, le dita della poesia, sono le nostre che vogliono mangiarci: noi, prede di chi crede di essere al di sopra delle parti; e se la vita è un lungo abuso di noi stessi, allora siamo proprio noi che dovremmo ribellarci. Ma si ridiamoci sopra…
      Piacere di conoscerti… serviti pure !!!

      • Ecco, queste si che son cose che vale la pena leggere. Finalmente qualcuno che non si limita ai manga o ai supereroi versione Marvel. Il mio incontro col fumetto è avvenuto col numero 4 della rivista “Corto Maltese”, ed è stato un colpo di fulmine di quelli a lungo termine. Per Pratt, Pazienza, Crepax e Manara primi fra tutti. Molti degli autori che citi (Toppi, Battaglia, Moebius, Bilal, Miller, Moore) li ho conosciuti proprio su quelle pagine e approfonditi poi. Insieme a tanti altri. La coppia Ghigliano/Tomatis, Giardino, e poi Bourgeon, Rosinski. E anche Alan Ford, Diabolik, Blacksad, potrei parlare per ore di fumetti, autori, disegnatori. Oggi fatico a trovare qualcosa da leggere con gusto. GiPi che hai citato non è male, vero, ma non l’ho letto con lo stesso trasporto degli altri, una bella storia che ho letto poco tempo fa è “Cassandra”, di Valenti/Caselli/De Cataldo. Si accettano consigli 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...