CAO YUXI – “Oriens” un buco nero dove perdersi e ritrovarsi

cao yuxi oriens

Io non so se in questi giorni l’Italia sta per entrare in un buco nero senza punto di non ritorno; lascio agli specialisti le speculazioni o le divagazioni sul nostro futuro, e come sempre mi affido all’arte, per lasciarmi alle spalle giorni di parole dove si è sentito di tutto. Metaforicamente tutto ritorna e si presta alla perfezione per qualsiasi immaginazione, ecco che l’installazione dell’artista cinese Cao Yuxi proposta al Today Art Museum di Pechino contiene qualcosa di spettacolare. “Oriens” significa “perla orientale” e rappresenta l’immersione totale della nostra percezione sull’inizio e la fine fine e poi ancora l’inizio della vita, proprio per ricordarci che niente di noi ha termine, come se il moto circolare dell’esistenza fosse racchiuso nell’energia che ci circonda, attraverso il ripetersi di quiete e violenza, paura e mistero, bellezza e poesia.

cao yuxi oriens.2

Lo spettatore assiste e viene coinvolto in un universo che lo risucchia dentro a un vortice dalle mille suggestioni: luci, ombre, suoni, rumori, movimenti, quasi ad annullare la visione della realtà circostante, perché  se le percezioni delle nostre dimensioni vengono completamente annullate, allora, le ipotesi della scienza ci riportano alla memoria tutti i miti dell’antichità insieme alle simbologie moderne. Come sempre l’espressività artistica emerge per incontrare una forma di assoluto insito nelle emozioni che ci circondano, e i significati che vorrebbero visualizzare la forma dell’anima, saranno sempre una bellissima ipotesi: l’energia non ha forma, è semplicemente intorno a noi.
A questo punto non so se questo paragone è funzionale alla nostra nazione, perché il pretesto del buco nero non è per niente funzionale alla nostra classe politica. Cao Yuxi ci ha avvicinato portandoci in viaggio verso le soglie della fantascienza, tutto il resto è lontano anni luce da noi.

il Barman del Club

 

Annunci

22 thoughts on “CAO YUXI – “Oriens” un buco nero dove perdersi e ritrovarsi

  1. Credo proprio che rifugiarci nella poesia È nella bellezza e nelle suggestioni sia l’unica alternativa per non fare come gli struzzi eri tirare fuori la testa solo a cose fatte ma fatte il meglio possibile.

    Grazie di questa iniezione di positività Ed ora a prescindere beviamo il primo Margarita con una fa Romana di 30grrradi.

    sherabbraccicari

  2. Che meraviglia… Infinita affabulazione ed infinita fascinazione, perché in fondo la sindrome di Stendahal è l’incapacità di accogliere tanta bellezza in poco spazio, fosse anche quello delle pareti del nostro cervello, ma tu lo hai detto così bene… «l’espressività artistica emerge per incontrare una forma di assoluto»… Mi ci vuole un buon bicchiere…

  3. Avevo davvero bisogno di una dose di parole belle che non sono di evasione. Da qui tutto parte.
    Per ora un semplice caffè freddo – fa troppo caldo. In serata un mojito in compagnia. Grazie. 😉
    Un grande abbraccio.

  4. credo che il punto cardine sia l’emozione, l’emozione sopra ogni cosa, lontana da interessi e tatticismi che ne hanno offuscato il senso vero, quello più antropico e ancestrale. Credo che un sano ritorno alla percezione, al sentimento, alla libera propensione/profusione di quell’energia di cui parli siano la strada maestra per riappropriarci di noi stessi e della nostra realtà/società. Per parafrasare un grande, troppo distaccati e distanti non conosciamo più la statura di Dio, privi, ormai, di quell’onestà intellettuale/morale degna di un disegno magnifico/immaginifico che ci vide -e che ci dovrebbe ancora vedere- attori e non fugaci avatar senza corpo, mere proiezioni di un bit.

    • il problema è che ci stiamo proprio avvicinando alla trasformazione delle cellule in pixel, o come dici tu in bit, perché se la proiezione anticipata dal film Matrix sembrava una pura invenzione di fantascienza, rischiamo in un futuro prossimo venturo, proprio lo smarrimento e la metamorfosi della nostra stessa coscienza. Energia ed emozione fanno parte della nostra natura come elementi primari di noi stessi, e non dobbiamo disperdere questa ricchezza. Possiamo chiamarla intelligenza o se preferisci Dio, e la sua percezione è alla base della nostra esistenza…

  5. io sono solo un modesto ragioniere, quindi non ho molti titoli per disquisire sui buchi neri; sicuramente l’italia nel buco nero ci si trova da almeno 1700 anni e continua imperterrita a rimanerci, a volte mi diletto a fare il rabdomante di bellezza, uno su dieci mi riesce: un crodino liscio, grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...