NON E’ ANCORA INVERNO

neve-ade caneva

PIOGGIA  GELIDA
(lamento di un pupazzo di neve)

Non posso che assimilare torture
mentre il tempo ustiona il silenzio
luce divelta dalle urla
paragoni che s’intrecciano
sul viso sfatto
lacerato dai tagli delle chiacchiere
come se il passato
fosse solo un’invenzione

La decomposizione delle forme
aumentava le paure
che più profonde ho colto
trasfigurate come sagome di facce
nei luoghi aperti dell’immobilità

nei deserti chiusi dove ognuno
ha una colpa da nascondere
Ma
è alle sue origini
che voglio tornare
degustando la vertigine che affiora
e che ormai
troppo spazio ha aperto
Eppure
ogni mattina mi adagio
a rintracciare echi
di inganni e di massacri

a sciogliere
insieme alla mia pelle
voci confuse e note
e bombe termonucleari
dentro alla chiusura di una palpebra

pioggiaTra tutte le voci del giorno
lento svanirà
il solitario tormento

fioco monologo perduto nell’alba
pronto a lacerare la prossima luna

grido mannaro
che ripopola gli squarci
come se l’acqua fosse
un rigagnolo di sangue

Antonio Bì

sangue sulla pistaFoto prese dal web – immane iniziale: dipinto di Ade Caneva

Annunci

11 thoughts on “NON E’ ANCORA INVERNO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...