NON E’ ANCORA INVERNO (2)

foto io mariaFoto di Io Maria

Exile on snow street

Ricordare ancora un inizio
e poi

cercare la blandizia
per sopprimere il vuoto

unica certezza nello spiraglio
che distilla la voce

unica illusione
nell’enorme frastuono di una parola

Come una candela viva
e come la sua goccia esausta

A poco a poco nessuno si orienta
nei labirinti di vetro

schiavi di una vastità
che non perdona

cacciatori di confini azzurri
per completare le mappe

E sugli itinerari del mondo
anche la desolazione ha un nome

una fatica
un estremo orgoglio del sudore

per vedere l’ultima scintilla
dalla polvere smossa

Ognuno pronto a ripartire
verso la propria eternità

Ognuno pronto a ritornare
dentro la propria identità

Antonio Bì

foto tisogi-giovanni tisoccoFoto Giovanni Tisocco

Annunci

11 thoughts on “NON E’ ANCORA INVERNO (2)

    • si può essere… anche perché tutto è inversamente proporzionale: dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande. Universi paralleli che si sfiorano appena e ogni contatto (dicono i fisici teorici) è un nuovo big bang della nostra anima.
      Vastità e piccolezze fanno parte di noi e solo noi sappiamo capire dove realmente siamo caduti. Se poi non lo sappiamo rimarrà sempre il dubbio dentro la nostra esistenza e l’ignoto, rimarrà sempre ignoto…

  1. “Cercare la blandizia per sopprimere il vuoto” in un certo modo mi ha ricordato una frase(decisamente più superficiale e sciocca) letta qualche anno fa su un muro vicino alle piscine di saronno e che mi colpì molto; “la masturbazione aumenta la tua autostima”
    Spero di non essere stato troppo irriverente accostandole 🙂

    • figurati… chi scrive e poi propone le sue cose agli altri deve accettare qualsiasi commento, anche perché è giusto e interessante capire come una certa frase viene recepita. In questo caso la blandizia è sinonimo di carezza o se vogliamo, di poesia: come a dire, cerchiamo rifugio nella scrittura, ma, se come diceva Freud, ogni nostro comportamento, ogni nostro pensiero inconscio, ogni nostra trasfigurazione anche se non voluta, nasconde sempre una matrice sessuale, allora, visto che si alludeva a una carezza, si può anche leggere il tutto come una masturbazione. In fondo, godere per godere, va bene anche la poesia… (!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...