VITTORIO SERENI – Una poesia

amore e eros

foto dal web

texas-austin-congress-avenue-light-streaks-M

VIAGGIO DI ANDATA E RITORNO

Andrò a ritroso nella nostra corsa
di poco fa
che tanto bella mai ti sorprese la luna.
Mi resta una città prossima al sonno
di prima primavera.
O fuoco che ora tu sei
dileguante, o ceneri confuse
di campagna che annotta e si sfa,
o strido che sgretola l’aria
e insieme divide il mio cuore.

Vittorio Sereni

daniele debernardi3foto di Daniele Debernardi
_dsc0102web_600

 

Annunci

6 thoughts on “VITTORIO SERENI – Una poesia

  1. Le mani
    da “Frontiera”

    Queste tue mani a difesa di te:
    mi fanno sera sul viso.
    Quando lente le schiudi, là davanti
    la città è quell’arco di fuoco.
    Sul sonno futuro
    saranno persiane rigate di sole
    e avrò perso per sempre
    quel sapore di terra e di vento
    quando le riprenderai.

    Le poesie di Sereni sono, sono stupende ecco

    grazie Antonio
    un sorriso
    .marta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...