PUSH THE SKY AWAY di Nick Cave

cielo1Foto di Gustavo Ampelio
cielo2Foto di Fabrizio-M.

PUSH  THE  SKY  AWAY

Stavo andando, stavo andando verso casa
Il sole, il sole…  il sole si alzava dai campi
Ho una sensazione che non riesco a smuovere
Una sensazione che non vuole andar via
Devi solo continuare a spingere
Continuare a spingere
Spingere via il cielo
E se i tuoi amici pensano che dovresti fare diversamente
E se invece pensano che dovresti continuare allo stesso modo
Devi solo continuare a spingere
Spingere via il cielo
E se senti di aver ottenuto tutto e non vuoi più nulla
Devi solo continuare a spingere
Continuare a spingere
Spingere via il cielo
Alcune persone dicono che è solo rock’n’roll
Oh, ma arriva dritto alla tua anima
Devi solo continuare a spingere
Spingere via il cielo
Devi solo continuare a spingere
Continuare a spingere
Spingere via il cielo

Nick Cave
dall’album “Push The Sky Away”

per leggere tutti i testi tradotti:
http://www.nickcave.it/discografia.php?iAlbum=22

cielo4Foto dal web

Annunci

20 thoughts on “PUSH THE SKY AWAY di Nick Cave

  1. come dire? la sua musica e lui stesso mi smuovono qualcosa dentro di sensuale. Gli anni Ottanta e il periodo Berlinese il più coinvolgente e innovativo. Conoscete questa sua ‘chicca’ nel film Di Wim Wenders Il cielo sopra Berlino?

    sherachedireilsanguenonèacqua 😉

    • meno male che c’è stato qualche regista che era in simbiosi con il rock e riusciva a interagire in maniera intelligente.
      Sul periodo sono d’accordo, il più viscerale senza dubbio, anche se tutta la sua carriera è stato un alternarsi di capolavori. Bisogna giustamente scegliere quelli con cui c’è più affinità.
      Grazie della chicca !!!

      • Non solo Wenders ma ti segnalo una produzione di Martin Scorsese:
        “Wim Wenders apre la serie dei sette film, che saranno poi realizzati da Charles Burnett, Clint Eastwood, Mike Figgis, Marc Levin, Richard Pearce e Martin Scorsese, ideata per celebrare la musica blues, secondo il progetto «The Blues» prodotto da Martin Scorsese. L’anima di un uomo presenta la vita di tre grandi bluesmen all’interno di una cornice narrativa dove si mostra il Voyager, inviato dalla Nasa nello spazio nel ’77, che porta con sé, tra le testimonianze del genere umano del XX secolo, la canzone blues “The soul of man” di Blind Willie Johnson. Le tre vite narrate, tra fiction e documentario, sono quelle di Skip James, Blind Willie Johnson e J.
        In Italia credo siano usciti soltanto i primi quattro e forse si trovano in rete.
        Anzi mi hai solleticato.
        sheraoradicenaaaaaa

  2. Si Shera li conosco… bellissimi !!! Io ho visti tutti sottotitolati, anche perché data l’impronta documentaristica mi interessava il commento in lingua originale, comunque penso che in rete si trovino, anzi, se soffri di solletico potrai stimolarti sicuramente con gusto…
    Un salutone !

  3. mi spremo mi spremo con la voglia che è tanta
    son solo momenti ma è il tempo che manca
    or su mi dirai non esistono i rovi
    se t’impegni un pochino il tempo lo trovi
    e così verso sera mi riguardo le mani
    vabbé ci sentiamo pensando al domani
    e il domani è già oggi così all’improvviso
    consolati allora con il mio breve sorriso

    🙂 🙂 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...