sesto intermezzo (quasi l’ultimo)

Questa poesia di Bukowski è famosissima e probabilmente è già stata postata da altri ma, mi è sempre piaciuta, e sarà così per sempre. Per rifarmi però vi regalo anche delle altre liriche, forse meno note, di un poeta portoricano che ritengo bravissimo: Pedro Pietri, come se fossero un seguito ideale di una folle notte o di una notte uguale a tante altre… auguri!

ultimi fuochi

FOGLIE DI PALMA
” 
Esattamente alla mezzanotte /1973-74 / Los Angeles / cominciò a piovere sulle / foglie di palma davanti alla mia finestra / clacson e mortaretti / strepitarono / e s’udì un tuono. // Ero andato  a letto alle 9 / spensi la luce / tirai via le coperte / la loro gaiezza, la loro felicità / i loro strilli, i loro tappeti di carta / le loro automobili, le loro donne / i loro ubriaconi dilettanti… // L’ultimo giorno dell’anno mi terrorizza / sempre // La vita non sa nulla, degli anni. // Ora i clacson hanno smesso di suonare / e i mortaretti e il tuono… / tutto finito in cinque minuti… / Tutto quello che sento è la pioggia sulle foglie di palma / e penso: / non capirò mai gli uomini / ma sono ancora vivo. ” (Charles Bukowski) 

pioggia
da Out Of Order (fuori servizio) di Pedro Pietri  (Edizioni CUEC)

Cabina telefonica n° 695    
Seduto in un bar disonesto / gli sgabelli cominciano a mentirmi / la musica senza senso  non dice il vero / su quanto sono vecchi quei crackers con formaggio / sul bancone del bar il barista è / il più grosso contaballe / di tutti quei clienti / inesistenti qui stasera / Cerca di convincermi / che è lui e non io a / inventarsi tutto ciò!

Cabina telefonica n° 390  
Il mattino comincia con il brillio / di espressioni silenziose / sulle labbra illuminate a metà / di una dolce brezza serena / fuori dalla finestra in attesa / che giunga il sole / e intervenga sui sogni / che la notte scorsa ha fatto su di noi / & lentamente apra i nostri occhi / perché osservino i sussurri / che introducono nuovi pensieri / in quell’isola mentale / della nostra scoperta quotidiana / di sospensione e sopravvivenza / in una terra promessa di sempre e / più intense speranze di vivere / per sempre / finché non spireremo / nell’eterna eccellenza / in un magnifico istante”  (Pedro Pietri)

martini&solitudine

Annunci

6 thoughts on “sesto intermezzo (quasi l’ultimo)

  1. “in un magnifico istante”, quanto di magnifico si può racchiudere in un istante, tanto grande, importante, da valere la pena di trasportarselo a spalle con sé in altre vite, all’infinito… Auguri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...