Dove non c’è più spazio

AGORAFOBIA

Da tempo ormai ogni respiro
è uno spazio chiuso
perché sui libri inventati
è facile scrivere
la propria epopea

Precipitiamo dal nulla
dentro a milioni di stanze
a parlare di ieri
nonostante
sia passato un secondo

Abbiamo inventato
l’ eternità
oltre le attese atroci
che hanno fatto la storia
della nostra azione

perché abbiamo tanto tempo
da meditare
su chi ha inventato
il clitoride
e l’ eiaculazione

Il giorno è un lampo di neon
che prepara qualcuno
alla partenza
dell’ orizzonte chimico più in uso

sempre nel buio
e sempre in un luogo chiuso
Ma
vita e morte si confondono
dove non c’è più spazio
e dove non c’è più spazio
nasce una nuova vita

olocausto
delle nostre passioni

perdono
per una irrefrenabile continuità

(antonio bì  – da: Asheton Road / una radio-suite)

Annunci

6 thoughts on “Dove non c’è più spazio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...